Battesimo speciale

  • Tratto da www.lanazione.it del 17.9.2002

     PORTO AZZURRO — Un battesimo particolare all'interno del carcere. Una piscina gonfiabile in plastica del diametro di un paio di metri, del tipo che viene utilizzato solitamente nei giardini, verrą allestita nel cortile della casa di reclusione di Forte San Giacomo per battezzare un detenuto che ha abbracciato la fede dei Testimoni di Geova. La cerimonia č in programma la mattina di sabato 28 settembre. «Il recluso — spiega Angelo Piergentili, ministro di culto della congregazione religiosa — si chiama Sergio Boccato, č originario di Venezia e si trova in carcere da sedici anni. Dal 1992 č ospite del penitenziario di Porto Azzurro per scontare una condanna per omicidio, rapina a mano armata, furto e spaccio di droga la cui scadenza č prevista per il 2024. E' entrato in contatto con noi tramite uno dei nostri ministri di culto che danno assistenza spirituale all'interno delle carceri». Dalla metą degli anni Settanta, periodo in cui in governo ha autorizzato le «missioni» dei Testimoni di Genova negli istituti di pena italiani, i detenuti che hanno abbracciato questo culto sono gią una decina. «La cerimonia del battesimo — spiega Piergentili — durerą complessivamente mezz'ora. Ci sarą un discorso introduttivo del ministro di culto seguito dal rito vero e proprio che prevede l'immersione completa nell'acqua del detenuto».

  • Ritorna alla homepage | Indice ricerche | Indice news